10 Anni di Concerto!

By Angela Buzzi • Dove e Quando, Edizione 2017, Senza categoria • 20 lug 2017

Andora

Dieci anni di Musica Classica nel borgo di Rollo

senza-titolo-1

Un concerto è un’occasione in cui molte persone si incontrano, per apprendere in sintonia l’armonia delle note, i creati musicali o le parole esaltate nel canto. Un momento in cui l’ascolto diventa univoco ma la nostra percezione si amplifica, si insinua negli animi, si aggancia sui ricordi, si abbrevia negli sguardi e si accomuna nel sentire.

L’essere insieme per la musica significa dedicare un pensiero a sè e al nostro mondo, ma anche al nostro borgo. La musica accoglie e coinvolge magicamente e poi ci accompagna nella normalità o nel subbuglio quotidiano ed entra nel cuore e vi rimane a lungo, a volte per tutta la vita per lasciare un regalo speciale.

Nel 2006 dopo anni di successo di pubblico della Rassegna di musica classica “Estate Musicale Andorese“, il borgo di Rollo inaugura un altro importante appuntamento concertistico che è cresciuto nel tempo.

Oltre che nella suggestiva chiesa tardo-romanica del borgo di Castello si fa concerto anche nella bella chiesa barocca del borgo di Rollo. Il ricavato delle serate viene da sempre devoluto in beneficenza.

Nell’anno 2006 c’è¨ il primo concerto, sono rimasti in mente i due capricci di Paganini eseguiti da Noe Inoui, violino. Fantastici, il pubblico non finiva mai di applaudire. Qualcuno si ricorda la cena d’opera? Era l’anno 2007. Insieme all’opera di Rossini creatore del bel canto italiano, si cercava di ricordarlo come un devoto appassionato di cucina. E il suono anglosassone nel 2010 accompagnato da una serata di assaggi all’inglese? Bellissima serata, un po’ eccentrica. Con la buona musica e con queste innovazioni nel concerto, nel fascino della bella Chiesa e nell’atmosfera della piazzetta, le persone hanno sempre partecipato volentieri, ed hanno donato generosamente per l’opera di beneficenza.

lI concerto rivolge una grande attenzione ai giovani interpreti internazionali, giovani bravissimi lanciati alcuni in una gioiosa carriera. Un concerto quindi che combina altissima professionalità con la freschezza, la spontaneità , l’entusiasmo e l’ispirazione dei giovani musicisti.

Nel 2009 Il clavicembalo in piazzetta nella Serva Padrona? Suono che ha avuto il potere di far viaggiare nel tempo. La passione amorosa nel 2014 con rinfresco romantico al lume di candela sul sagrato? Musica sentimento e atmosfera.

Il pubblico comincia ad amare il barocco. Nel 2015 per la prima volta le persone vedono mettere insieme pezzo per pezzo un organo portatile, come quello che usava Mozart, dal maestro Mario Del Grosso da Genova, pregiato costruttore di clavicembali, restauratore di strumenti antichi e raffinato musicista. Lo reicontriamo nel concerto di quest’anno.

Il Concerto di quest’anno è dedicato ad un sentimento meno celebrato di altri, ma umanissimo e doloroso, il lamento, che sin dall’antichità si è accompagnato alla musica e alla poesia. Il Concerto ne descrive i toni , gli esiti, i gesti e si trasforma come in preghiera, in invocazione e pacificazione. Nel nostro piccolo borgo si esprimerà lo Stabat Mater !

Difficile da esprimere e difficile da ascoltare, ricordiamo una frase di Rossini mentre compone lo Stabat Mater, scrive ad alcuni amici: ”Sto cercando motivi musicali, ma non mi vengono in mente che pasticci, tartufi e cose simili “

Ci affidiamo alla musica di Giovan Gualberto Brunetti, grande devoto di Pergolesi, per ascoltare il lamento, caratterizzato da Vanessa Bowers nel ruolo di soprano, affermata e sensibilissima giovane inglese, e dalla russa Margarita Slepakova moderna e originale mezzosoprano, nell’interpretazione offerta da Mario del Grosso rinomato interprete di musica antica insieme a Francesca Del Grosso,violino e alla giovanissima Annalisa Del Grosso violino.

manifesto-concerto-2017

Suggerisce il critico musicale Andrea Milanesi: “Lo Stabat Mater è un vorticoso quadro d’affetti che rappresenta la sintesi ideale tra i sentimenti di sofferenza e di dolcezza, consolazione e pietà , angoscia e serenità risvegliati dalla toccante scena che ritrae la Madonna ai piedi della croce, dum pendebat Filius“

Sarà Rossini a suggerirci un momento di pausa e di festa che celebreremo, per i dieci anni trascorsi, con un buffet inaspettato durante l’intervallo e alla fine del concerto in piazzetta.

L’essere insieme per la musica significa dedicare un pensiero al borgo, che nella stagione estiva vive un periodo straordinario, si ripopola magicamente e poi ritorna alla normalità con la fine dell’estate.

Si deve ricordare per l’iniziativa appassionata di questo evento Lanfranco Bassi , che non c’è più; ringraziamo per l’ideazione e il costante sostegno Patrick Maffhiesen con la The Matthiesen Foundation di Londra, Aristea e i sostenitori e simpatizzanti di ieri e di oggi, l’associazione culturale “Amici della Festa delle Erbe” per l’organizzazione, il Comune di Andora per il Patrocinio e l’accoglienza, la Parrocchia della S.S. Trinità per l’ospitalità.

DECIMO CONCERTO DI MEZZA ESTATE

29 LUGLIO 2017

ORE 20,30

Chiesa S.S. Trinità – borgo di Rollo, Andora

PRENOTAZIONI :

Telefono: 339.7233272

Email: concertomezzaestate@hotmail.com – festaerberollo@hotmail.it

 

 

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Comments are closed.